17 maggio

Di poveri sconosciuti

Fotografia Massimo Quattrucci - testo Fabio Pierangeli

L’impressione del povero che dorme sotto le ali del bancomat, per opposti, mi fa venire in mente un possibile incontro con quello sconosciuto, come lo descrive ineluttabile, tra cielo e terra, la celebre lirica di Walt Whitman.

 

A uno sconosciuto

Sconosciuto che passi! non sai 
con quanto desiderio io ti guardo,
tu devi essere colui che io cercavo, 
o colei che cercavo (mi arriva come da un sogno),
certamente ho vissuto in qualche luogo una vita di gioia con te,
tutto è ricordato, mentre passiamo l’uno vicino all’altro, fluido, amorevole, casto, maturo
sei cresciuto con me, sei stato ragazzo o ragazza con me,
io ho mangiato e dormito con te, il tuo corpo è diventato
qualcosa che non appartiene soltanto a te, né ha lasciato che il mio restasse mio soltanto,
mi hai dato il piacere dei tuoi occhi, del tuo volto, della tua carne, mentre io passo, tu ne prendi in cambio dalla mia barba,  dal mio petto, dalle mie mani,
non devo parlarti, devo pensarti quando seggo da solo o veglio la notte da solo,
devo aspettarti, non dubito che ti incontrerò ancora,
e a questo devo badare, di non perderti.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page
5 ottobre

Solo un uomo

11 settembre

Roma, via Paradisi

per sostenere il piccolenote