Notes

12 maggio 2017

Fatima

Il 13 maggio di cento anni fa la Madonna apparve a Fatima. Una storia bella quella delle apparizioni e quella dei bambini ai quali la Madre di Gesù si volle rivelare con l’usata cortesia. Una storia che, purtroppo, nel tempo è rimasta schiacciata dai segreti che a quei bambini erano stati affidati.

 

Quando si parla di Fatima, infatti, la mente corre a tali segreti, dimenticando che quella di Fatima è anzitutto una storia bambina.

E spesso dimenticando il segreto più grande che la Madonna ha consegnato a quei fanciulli, ovvero la giaculatoria che recita: «Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell’inferno, porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia».

 

Una giaculatoria che trabocca di misericordia. Tanto che chiede l’impossibile, cioè che nessuno vada perduto. E questo nonostante proprio a Fatima, a quei ragazzini, fosse stato mostrato l’inferno, per ribadirne l’esistenza.

 

Una giaculatoria che vuole abbracciare tutto e tutti. Fondata non su una qualche determinazione umana, una qualche apertura al mondo o una disposizione buona verso l’altrui destino, quanto sulla speranza della Madonna.

 

È bello appoggiarsi, riposare su tale speranza. Anzitutto per sé, ma anche come sguardo rivolto al prossimo e al mondo. Così che si può condividere, seppur di lontano, la speranza bambina che animò le giornate dei pastorelli di Fatima.

 

Commuoversi per i piccoli sacrifici e le tante preghiere offerti in quei giorni di grazia. Per noi, poveri peccatori, come faceva la piccola Giacinta, o per consolare Gesù, come faceva Francesco (i ragazzini si erano infatti divisi i compiti…).

 

Ed essere grati del fatto che, cento anni dopo, si può ripetere, nei giorni e nelle ore, quella giaculatoria bambina. Dalla quale tracima tutta l’infinita misericordia divina.

 

Il 13 ottobre del ’17, giorno dell’ultima apparizione, la folla assiste al miracolo del sole. Tanti i convenuti, tra cui semplici curiosi e atei, che ebbero a constatare l’anomalo movimento del sole…

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page