Impressioni

3 aprile 2017

La patria di Scotellaro

Foto Massimo Quattrucci - testo Fabio Pierangeli

Una poesia di Rocco Scotellaro per raccontare di una vita dove la patria è là dove riposa il cuore. Una patria che vibra precaria, dunque, che può attecchire, al giro del vento, altrove.

 

La mia bella patria

 

Io sono un filo d’erba
un filo d’erba che trema.
E la mia patria è dove l’erba trema.
Un alito può trapiantare
il mio seme lontano.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page