7 marzo

Alba all’Argentina

fotografia Massimo Quattrucci - testo Fabio Pierangeli

unnamed

Una fotografia che rimanda a un’altra alba, quella descritta in una poesia di Cesare Pavese, che riportiamo.

 

In the morning you always come back

 

Lo spiraglio dell’alba
respira con la tua bocca
in fondo alle vie vuote.
Luce grigia i tuoi occhi,
dolci gocce dell’alba
sulle colline scure.
Il tuo passo e il tuo fiato
come il vento dell’alba
sommergono le case.
La città abbrividisce,
odorano le pietre
sei la vita, il risveglio
.

 

Stella sperduta
nella luce dell’alba,
cigolio della brezza,
tepore, respiro
è finita la notte
.

 

Sei la luce e il mattino.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page
5 ottobre

Solo un uomo

11 settembre

Roma, via Paradisi

per sostenere il piccolenote