800px-Child_Jesus_of_Prague_(original_statue)
Notes / 30 maggio

Una preghiera bambina per la Siria

Per il primo giugno, nella giornata internazionale del bambino, i patriarchi e i vescovi cattolici e ortodossi della Siria hanno chiesto ai bambini del loro Paese di unirsi in preghiera perché sia concesso al loro Paese il dono della pace.   Una iniziativa promossa dalla Chiesa che soffre, che domenica papa Francesco ha invitato ad accogliere e ad accompagnare con la nostra, certo più povera, preghiera.   Bello che come "patrono" di tale momento di preghiera sia stato scelto il bambino Gesù che con una mano regge il mondo e con l'altra lo benedice (nel caso specifico la statuetta di Praga). Quel bambino Gesù che, come i bambini siriani, ha voluto farsi inerme nonostante la sua onnipotenza. E come loro ha conosciuto l'odio del mondo, tanto da dover essere riparato da Maria e Giuseppe, esule, in Egitto.   Una preghiera bambina alla quale così, di lontano, possiamo partecipare per grazia anche noi, poveri peccatori. Di fronte alla potenza del mondo,...

piazzamaddalena
Impressioni / 30 maggio

Le Madonnelle di Roma

Piazza della Maddalena (foto Pilade Mancini)

124062-md
Postille / 30 maggio

La Siria e l’opzione apocalisse

Settimana buia per la Siria, dove si è assistito a un'escalation di colpi ai pur controversi negoziati di pace di Ginevra, che ormai appaiono sempre più un simulacro privo di significati reali.   Sette giorni fa una serie di attentati senza precedenti colpivano le città di Jableh e Tartus uccidendo 150 persone (più delle vittime di Parigi, ma poca eco in Occidente...); il 27 maggio la Ue rinnovava le sanzioni contro il governo di Damasco; ieri Mohammed Alloush, leader di Jaish al-Islam e capo negoziatore a Ginevra per conto dei cosiddetti ribelli moderati (che poi tanto moderati non sono), ha annunciato il suo ritiro dalle trattative.   Tre colpi in successione, apparentemente slegati tra loro, ma che da prospettive diverse rilanciano l'opzione apocalisse per la Siria. Un'opzione che vede la caduta dell'attuale governo; la fine dell'integrità nazionale; la sua regressione culturale, produttiva e civile all'epoca pre-moderna (con relativo saccheggio delle ris...

mondo

27 maggio

Gli Usa e il contenimento della Cina

ct-obama-hiroshima-visit-20160409

Storica visita di Obama a Hiroshima, la prima di un presidente degli Stati Uniti presso la città nuclearizzata alla fine della seconda guerra mondiale. Una visita che in realtà è sottesa a una strategia globale. Scrive Paolo Mastrolilli sulla Stampa del 26 maggio che «non è difficile indivi

26 maggio

Di neonazisti, giornalisti e dello “spirito di Majdan”

svoboda-party-nazi4

Il sito ucraino Morotvorets (il Pacificatore) ha pubblicato un elenco di giornalisti che hanno redatto reportage dall'Ucraina, con tanto di indirizzi e numeri di cellulare. Dentro ci sono un po' tutti, come scrive Nicola Lombardozzi sulla Repubblica del 25 maggio. Oltre a lui e altri giornalisti d

25 maggio

Morto un Mullah se ne fa un altro (2)

GTY_taliban_fighters_sk_150129

I taliban hanno sostituito al Mansour, il loro leader ucciso da un drone americano ai confini tra Pakistan e Afghanistan. e la scelta è caduta sul "religioso" Haibatullah Akhondzada. Suoi luogotenenti uno dei tanti signori della guerra afghani e il figlio maggiore del mullah Omar, scelta che lega

23 maggio

Morto un mullah se ne fa un altro…

imgres

Il 22 maggio è stato ucciso il mullah Mansour, leader dei talebani, colpito da un drone Usa al confine tra Pakistan e Afghanistan. Un omicidio mirato che avrà un «impatto rilevante» sul movimento jihadista legato ad al Qaeda, come scrive Jason Burke sulla Repubblica del 23 maggio. Egli infatt

23 maggio

La Turchia e l’immunità bivalente

1619404

«Senza nemmeno attendere l’insediamento del nuovo premier, la Turchia spazza via l’immunità parlamentare, aprendo la strada a processi e arresti per decine di deputati, soprattutto curdi. Con il sostegno di una super-maggioranza, il presidente Recep Tayyip Erdogan si avvicina a un obiettivo ma

notes

18 maggio

Per la fine delle sanzioni alla Siria

Sulla piattaforma "Change.org" è stata lanciata la petizione ''Basta Sanzioni alla Siria''. Un embargo che dura da tempo e sul quale anche Piccolenote, nel suo piccolo, si è speso, nell'ambito di articoli dedicati alla tormentata guerra siriana. Il 23 maggio il Consiglio d'Europa è chiamato a rinnovare o meno la decisione. È sufficiente che un solo membro del Consiglio si opponga al rinnovo perché la misura sia sospesa.   Di seguito

per sanctos

Teresina e la giusta misericordia di Dio

«Io spero tanto nella giustizia del buon Dio che nella sua misericordia. È per il fatto che Egli è giusto che è compassionevo

per sostenere il piccolenote

piazzamaddalena
Impressioni / 30 maggio

Le Madonnelle di Roma

Piazza della Maddalena (foto Pilade Mancini)

rione campitelli 01 p.za campitelli
Impressioni / 30 maggio

Impressioni

Piazza Campitelli (foto Pilade Mancini)

rione regola 04 p.za de ricci
Impressioni / 29 maggio

Le Madonnelle di Roma

Piazza de' Ricci (foto Pilade Mancini)